foto sezione presepe

BEL TEMPO SI SPERA ESTATE...

 

...grazie TV2000

Ecco a voi lo straordinario servizio realizzato da TV2000 sulle nostre iniziative..
Buona visione!!

Dalla parrocchia di Sant'Antonio di Padova ad Alberobello (BA)

Puntata di "Bel tempo si spera" del 9 giugno 2017


 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

70x100web

46^ ed. Presepe Vivente Alberobello 
"...casa sulla roccia" (Matteo,7)

L'associazione "Da Betlemme a Gerusalemme", in seno alla Parrocchia Sant'Antonio di Alberobello con il patrocinio e il contributo del Comune di Alberobello, propone da 46 anni il caratteristico Presepe Vivente nel Rione Aia Piccola. Per l'occasione, la zona diventa un suggestivo paesaggio ottocentesco, illuminato da torce e lumi a petrolio. Il nostro presepe è a percorso e a copione, si ispira ad un particolare tema/messaggio diverso ogni anno...Coinvolge più di duecento figuranti, che volontariamente, si mettono a disposizione per quattro serate 26-27-28-29 dicembre. In caso di pioggia la giornata di recupero prevista è quella del 30 dicembre. Ricordiamo a tutti i nostri visitatori che l'ingresso al presepe è gratuito, ma necessita di prenotazione. 
Le prenotazioni sono possibili da lunedì 28 novembre chiamando ai seguenti numeri 333.5222150 - 333.3261655. Inoltre, per ogni serata saranno disponibili circa 300 biglietti d'ingresso gratuiti. Sarà possibile ritirarli dalle ore 15:00 presso il nostro ufficio prenotazioni, sito in Piazza del Popolo. L'ingresso per i biglietti ritirarti nella serata non sarà prima delle ore 20:00.
Per informazioni è possibile consultare il nostro sito: 
https://www.dabetlemmeagerusalemme.it 
#weareinpuglia #alberobello #presepevivente

Video Presepe Vivente 2016

Foto Presepe Vivente 2016 - SEZIONE

Presepe Vivente altri anni...

C’era una volta un presepe...

...di gente e di pietre che raccontava la storia della nascita di Nostro Signore …nel paese dei trulli! Vecchie strade che tornano alla vita, camini anneriti da antica fuliggine che ardono di fuoco nuovo, piazzette dimenticate da tempo che brulicano di personaggi, dimenticate nenie che tornano a cullare i sogni dell’uomo, antichi odori e sapori che mondano i sensi e il cuore! C’era una volta un presepe di gente e di pietre e ci sarà ancora”