foto sezione presepe

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

presepe vivente 2019 manifesto

L’Associazione “Da Betlemme a Gerusalemme” è in fermento per organizzare la 49^ edizione del “Presepe Vivente”...aspettando la 50^ edizione

Il Presepe di Alberobello è un evento religioso e non folkloristico e la sua realizzazione è guidata da un “particolare messaggio” diverso ogni anno. La manifestazione si colloca all’interno del Rione Aia Piccola che per l'occasione diventa un suggestivo paesaggio ottocentesco, illuminato da torce e lumi a petrolio. Quest’anno l’ingresso è previsto da Largo Martellotta.                

Le date stabilite per l’evento sono le seguenti: 26, 27, 28, 29 dicembre 2019 (in caso di dichiarata sospensione per condizione meteorologiche avverse, la giornata di recupero è il 30 dicembre, a cominciare dalle ore 16:30, con ingresso gratuito e con la possibilità di prenotare la visita, scegliendone l’ora ed il giorno.  

Le informazioni circa la prenotazione sono desumibili dal sito www.dabetlemmeagerusalemme.it o chiamando ai seguenti numeri: 333 5222150 - 333 3261655. La prenotazione fornisce un orario di massima per l’ingresso al Presepe ed i biglietti prenotati dovranno essere ritirati almeno un’ora prima dell’orario prenotato.

L’organizzazione è articolata, infatti si compone di molteplici settori; quello della scelta dei luoghi,dei trulli e della sicurezza degli ambienti, lavora già alacremente con gli uffici comunali e gli assessori di competenza.

La stesura dei testi, con i giovani della parrocchia Sant’Antonio è ormai iniziata.

C’era una volta un presepe...

...di gente e di pietre che raccontava la storia della nascita di Nostro Signore …nel paese dei trulli! Vecchie strade che tornano alla vita, camini anneriti da antica fuliggine che ardono di fuoco nuovo, piazzette dimenticate da tempo che brulicano di personaggi, dimenticate nenie che tornano a cullare i sogni dell’uomo, antichi odori e sapori che mondano i sensi e il cuore! C’era una volta un presepe di gente e di pietre e ci sarà ancora”