foto sezione presepe

Ci piace pensare che anche quest'anno, nonostante le tante difficoltà di questo 2021, vorrete aiutarci ad aiutare chi, nel nostro territorio, fa persino fatica a mangiare anche una sola volta al giorno!


Tutto ciò che vorrete inviare, tramite bonifico a:
“Associazione Da Betlemme a Gerusalemme” - Clicca su:

DONA ORA

Presepe Vivente Online 2020

..Viene nel mondo la Luce vera che illumina ogni uomo!

Sì, un PRESEPE DI LUCE vi aspetta ad Alberobello, nello splendido scenario dei trulli dello storico rione Aia Piccola, dal 28 novembre 2021 al 9 gennaio 2022!

Preparatevi ad attraversarlo e a vivere la BELLEZZA di ciò che, a gloria e onore della LUCE, abbiamo realizzato per festeggiare i 50+1 anni del nostro PRESEPE VIVENTE e per invitare tutti a riscoprire, vivere e celebrare il Mistero del Natale e la Bellezza di Dio, di cui tutti noi e i nostri luoghi sono un riflesso!

Grazie per i patrocinio e il contributo al Comune di Alberobello, assessorato al turismo e manifestazioni. 

Grazie per il preziosissimo supporto tecnico ai due artisti della luce, Francesco e Serena, della LUMOS - illuminiamo le vostre idee.

L’ingresso sarà libero, all’interno del rione Aia Piccola troverete delle mappe con il percorso da seguire per non perdervi nessuna installazione luminosa.

Che non manchi nessuno !

Vi aspettiamo !

51° edizione del Presepe Vivente
Dal 26 al 29 dicembre 2021
Ingresso con Green pass e prenotazione.

Prenotazioni disponibili dalla prima settimana di dicembre 2021.

Associazione Da Betlemme a Gerusalemme - Parrocchia Sant’Antonio di Padova in Alberobello

Info e contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 3335222150 - www.dabetlemmeagerusalemme.it

C’era una volta un presepe...

...di gente e di pietre che raccontava la storia della nascita di Nostro Signore …nel paese dei trulli! Vecchie strade che tornano alla vita, camini anneriti da antica fuliggine che ardono di fuoco nuovo, piazzette dimenticate da tempo che brulicano di personaggi, dimenticate nenie che tornano a cullare i sogni dell’uomo, antichi odori e sapori che mondano i sensi e il cuore! C’era una volta un presepe di gente e di pietre e ci sarà ancora”