foto sezione passione

Elenco dei personaggi che hanni interpretrato "Gesù Cristo e Madonna"

1

Mario

Bimbo

1978

Marilina

Palmisano

2

Franco

Annese

1979

Augusta

Gramolini

3

Franco

Annese

1980

Augusta

Gramolini

4

Franco

Annese

1981

Augusta

Gramolini

5

Mimino

Abbracciavento

1982

Anna

Neglia

6

Pierluigi

Rotolo

1983

Gianfranca

Tinelli

7

Lucio

Baccaro

1984

Angela

Leo

8

Gianni

Ruppi

1985

Nicoletta

Ramunni

9

Don Beppe

Frugis

1986

Antonella

Grassi

10

Orazio

Pugliese

1987

Angelica

De Santis

11

Alessandro

Maiale

1988

Mariangela

Colamaria

12

Gianvito

Matarrese

1989

Rosmary

Bimbo

13

Mino

Sumerano

1990

Mary

Caccavo

14

Vito

Candela

1991

Vittoria

Dell'Erba

15

Francesco

DeCarlo

1992

Anna

Colaprico

16

Giannangelo

De Giorgio

1993

Enza

Veneziano

17

Luca

De Felice

1994

Cinzia

De Bellis

18

Martino

Girolamo

1995

Mirella

Lippolis

19

Nicola

Angelini

1996

Annamaria

Lomuscio

20

Martino

Girolamo

1997

   

21

Ciro

Pugliese

1998

Romana

Piccolo

22

Mario

D'Oria

1999

Emanuela

Girolamo

23

Nicola

Angelini

2000

   

24

Angelo

Indolfi

2001

Annalisa

Tauro

25

Cosimo

Sgobio

2002

Mary

Caccavo

26

Giuseppe

Leo

2003

Vittoria

Dell'Erba

27

Simone

Barnaba

2004

Valentina

Liuzzi

28

Viviano

Bagnardi

2005

Giovanna

De Leonardis

29

Francesco

Annese

2006

Marisa

Tinelli

30

Nico

Panarese

2007

Mary

Gentile

31

Pierluca

Tagliente

2008

Paola

Masciulli

32

Devid

Girolamo

2009

Eufemia

Tinelli

33

Giuseppe

Salamida

2010

Maria

Pica

34    

2012

Doriana

Del Vecchio (Maria da Giovane)

35     2012    
36 Diego Pugliese 2013    
37     2014    
38     2015    
39 Nicolò Bergamo 2016 Stella Sumerano
40     2017    

Trent'anni di cammino

Provate a sfogliare i quattro vangeli.

Sarete sorpresi dal fatto che i racconti della Passione di Gesù occupano uno spazio amplissimo, quasi spropositato, rispetto al resto: quelle poche ore della Passione sono narrate con estensione e con abbondanza di particolari. Perché questa ampiezza e questa centralità?

Intanto perché se è vero che tutta la Bibbia narra la passione di Dio per la sua creatura, la Passione costituisce l'apice di questo dramma; nella Bibbia cioè si dice quanto Dio abbia fatto per noi, mostrandoci però il suo volto quasi di spalle, mentre nelle pagine della Passione si racconta ciò che Dio si è fatto per noi e ciò che noi gli abbiamo fatto, ma faccia a faccia, senza più alcun velo. I primi cristiani vivevano il racconto di questo dramma in un clima di meraviglia stupìta, quasi incredula: ma come si può arrivare ad amare così?

Poi la Passione assume un ruolo centrale nei Vangeli e nella predicazione dei cristiani perché è il grande scandalo da superare. E' già difficile accettare che un Dio si sia inchiodato al legno e definitivamente compromesso con la sua creatura, ma ritenere che quella storia della Passione sia il luogo privilegiato in cui Dio si fa conoscere nel suo essere profondo e nella sua forza vittoriosa è quasi un delirio…Come può rivelarsi un Dio che si annienta? Cosa dice di sé un Dio che lava i piedi alla sua creatura e che considera gloria quella lavanda? Che annuncio è quello di un Dio che si sottopone al giudizio e allo sfruttamento dell'uomo e che ritiene così di manifestarsi forte?

Infine non si dimentichi che i cristiani non vedono la Passione come un fatto solo di Gesù, chiuso nella sua storia personale, ma lo pensano come un evento che si dilata nell'esperienza della comunità, fin dagli inizi e per sempre. La Passione di Gesù continua nella passione dei cristiani: persecuzione, calunnia, derisione, emarginazione, conflittualità…Cioè i cristiani riflettono sulla Passione di Gesù per comprendere il proprio cammino e trovarvi senso.

Questa è la ragione per cui da ormai da trent'anni noi Giovani della Comunità di Sant'Antonio ad Alberobello puntiamo sulla Passione. Ci pare che offra luce. A noi anzitutto. E poi a chi viene qui da anni, ogni Venerdì Santo; non ad assistere ad uno spettacolo, ma a cercare luce, appunto.

Quest'anno seguiremo il racconto di Luca, caro a tutta la tradizione cristiana per una ragione in più: quasi certamente è stata Maria, la madre del nostro Signore, a narrare gli eventi. E quel cittadino di Antiochia di nome Luca, medico di professione, divenuto discepolo di Gesù e compagno di Paolo, metterà per iscritto in un greco raffinato quel racconto speciale raccolto dalla viva voce della Madre. Un angolo di lettura privilegiato: quello di Colei che ha generato il Sole nuovo e ne ha tenuto fra le braccia l'eclissi, chiamata ad accettare un Figlio che sfuggiva alle sue mani amorose per abbandonarsi a mani violente.

Tenteremo ancora di dire l'indicibile: quanto perdutamente Dio ci abbia amati.

Grazie per la vostra presenza.

I Giovani dell'Associazione

"da Betlemme a Gerusalemme"

Appuntamento al prossimo

VENERDI' SANTO

Passione Vivente altri anni...